Regione Autonoma della Sardegna
Partner finanziamenti Sportello Appalti

Occhio all’aggiornamento normativo

10 Lug 2014

Home 9 Agenda 9 Newsletter 9 Archivio Newsletter 9 Occhio all’aggiornamento normativo

Aggiornamento normativo

Centrale unica per i comuni non capoluogo
Il Governo é in procinto di approvare l’ennesimo correttivo, che dovrebbe confluire nella legge di conversione del dl 90/2014, che prevederà una proroga per la centrale unica con due scadenze:
a) 1 gennaio 2015 per l’acquisto di beni e servizi;
b) 30 giugno 2015 per le gare di lavori.
Nelle more dell’approvazione l’AVCP si é dimostrata disponibile al rilascio di CIG, in deroga al divieto di cui al dl 66/2014.

Nuove modalità per la certificazione sui tempi di pagamento da parte dei comuni (D.M. 2 luglio 2014 G.U. 155 del 7 luglio 2014)
I comuni possono trasmettere entro il 25 luglio un nuovo certificato sui propri tempi medi di pagamento. L’invio è facoltativo e sostituirà il documento trasmesso entro il 31 maggio. Gli enti inadempienti potranno regolarizzare la propria posizione.

Determinazioni, pareri e altre fonti normative secondarie

Fatture a conservazione elettronica Circolare Agenzia delle Entrate n. 18/E del 24 giugno 2014
I fornitori della P.A. sono obbligati non solo alla fatturazione elettronica, ma anche alla conservazione elettronica delle stesse, con l’osservanza delle regole previste dal decreto sulla tenuta dei documenti fiscali informatici

Circolare n. 21 della Ragioneria dello Stato del 25 giugno 2014
Sono disponibili nuove funzionalità sulla piattaforma telematica della certificazione dei crediti delle pubbliche amministrazioni. I fornitori potranno verificare l’intero iter di lavorazione dei propri crediti e le P.A. potranno controllare lo stato dei propri debiti.

AVCP
On-line l’ultimo numero della rivista dell’AVCP http://www.lineeavcp.it/

Giurisprudenza

Recesso /revoca contratto Consiglio di Stato Adunanza Plenaria n. 14 del 20/06/2014
La disciplina di cui all’art, 21 sexies della L. 241/90, in materia di recesso, deve ritenersi propria dei contratti in cui la P.A. non è in posizione di supremazia. La revoca trova, invece, applicazione  nelle ipotesi in cui il contratto è accessivo al provvedimento concessorio e dipende dallo stesso, ex art. 158 del d.lgs. 163/06.
Il recesso si differenzia dalla revoca per la non obbligatorietà del contradditorio procedimentale e per l’assenza dell’obbligo di motivazione che ne giustificano una maggiore onerosità.

Accesso civico e concessioni Consiglio di Stato, sez VI n. 865/2014
Sono pubblici i dati economici relativi al rilascio di una concessione, al fine valutare l’esistenza di una posizione dominante distorsiva dei principi del mercato.
Dapprima l’articolo 1, commi da 15 a 33, della legge 6 novembre 2012, n. 190, e da ultimo il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, hanno indicato tra i dati oggetto di pubblicazione, e suscettibili di speculare accesso civico, anche i provvedimenti concessori, da intendersi comprensivi dei dati economici (Cfr. artt. 24 e 26 d.lgs 33/2013), allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche da parte delle amministrazioni.

Hai dubbi su alcune questioni legate ai contratti di appalto? Vuoi avere una consulenza in materia di gare pubbliche? Non aspettare: contatta i nostri esperti inviando una mail a consulenza@sportelloappaltimprese.it o telefonando al numero verde 800 97 44 30 (attivo il martedì e il venrdì dalle 14:30 alle 17:30)

www.sportelloappaltimprese.it
info@sportelloappaltimprese.it

w

Hai bisogno di una consulenza
MePA e CAT,
o chiedere info sul Servizio Esperto risponde?

Parla con un esperto
+39 392 3160799

 

 L'Esperto risponde

Scopri il servizio personalizzato rivolto alle imprese e alla PA in materia di acquisti nella Pubblica Amministrazione

Share This

Condividi sui social

Condividi questo contenuto con i tuoi amici!